CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

CONSIDERAZIONI SUL CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO 1956-57

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather
Senza tenere un cammino particolarmente travolgente, ma tutto sommato costante, il Milan esce come autentico dominatore di questa stagione

caratterizzata da un equilibrio difficilmente riscontrabile in altri campionati. La netta affermazione degli uomini di Viani è il sintomo di un livellamento delle

forze verso il basso che sta coinvolgendo anche la nazionale italiana letteralmente travolta nelle ultime due uscite esterne. La finale europea raggiunta e persa dalla

Fiorentina rappresenta il vertice toccato da un gruppo di calciatori che si pensava in grado di rinverdire i fasti dei decenni precedenti quando, sul blocco della

Juventus prima, e del Torino poi, si sono costruite compagini in grado di primeggiare ovunque. Questi, invece, hanno già esaurito la loro parabola ascendente e quel

che è peggio, ciò è avvenuto poco prima dei mondiali di Svezia.

Si è tentato di dar personalità alla nazionale inserendo gli “oriundi” come era avvenuto negli anni Trenta con la differenza che Orsi e compagni erano nel pieno della

loro vigoria fisica ed avevano voglia di dimostrare di essere dei fuoriclasse, questi, invece, vestono la maglia azzurra già carichi di gloria e di medaglie, scendendo

in campo più per sé stessi che per il bene comune.

Infine va segnalata la crisi persistente di due grandi storiche come Inter e Juventus, lontanissime dai vertici e quindi non in grado di fornire validi elementi al

calcio italiano, eccezion fatta per gli ormai conosciuti Lorenzi e Boniperti. Facebooktwitterlinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.