CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO 1936-37: IL GIRONE D’ANDATA DALLA 4a ALLA 10a GIORNATA

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather
Sconvolto per quanto accaduto il giorno precedente alla squadra de’ l’Aquila, kl’inteo mondo del calcio si appresta a vivere la quarta giornata del campionato di serie A 1936-37, una delle più intense che si potessero mai programmare alla vigilia.
4a GIORNATA: domenica 4 ottobre 1936

Bologna – Lazio                     1-1      

57′ Riccardi, 72′ Montesanto

Fiorentina – Bari         1-0      

70′ Negro

Genoa – Sampierdarenese      1-1      

45′ Bodini rig., 65′ Pantani (GE)

Juventus – Torino        0-1      

59′ Galli II

Milan – Ambrosiana    1-1      

21′ Bisigato, 69′ Capra (MI)

Novara – Lucchese     1-2      

14′ Romano (NO) rig., 21′ Perduca, 88′ Coppa

Roma – Alessandria    1-0      

71′ Bernardini

Triestina – Napoli        1-1      

12′ Busidoni (TS), 81′ Sallustro

 CLASSIFICA:

Bologna e Torino 6; Fiorentina, Genoa, Lazio, Lucchese e Roma 5; Bari, Juventus, Milan e Sampierdarenese 4; Ambrosiana, Napoli e

Triestina 3; Novara 2; Alessandria 0.

La Lazio impone il pari casalingo al Bologna, mentre il Torino, vincendo il derby affianca gli emiliani in vetta. La situazione, però,
si presenta ancora molto intricata. È chiaro che nessuna squadra riesce ad emergere. L’unica certezza di quest’inizio di campionato è la grave situazione nella quale si trova l’Alessandria. I piemontesi non hanno ancora ottenuto punti non essendo evidentemente riusciti a costruire una compagine competitiva.

5a GIORNATA: domenica 11 ottobre 1936

Alessandria – Juventus           1-0      

10′ Robotti

Ambrosiana – Roma   2-1      

9′ Di Benedetti (RM) rig., 43′ Meazza, 67′ Frossi

Bari – Triestina            4-0      

7′ e 15′ Ferrero, 36′ Grolli, 82′ Costantino

Lazio – Fiorentina       2-1      

56′ Riccardi, 61′ Piola, 82′ Conti (FI)

Lucchese – Bologna    2-2      

9′ Andreoli (LU), 37′ Biavati, 55′ Reguzzoni, 86′ Coppa (LU)

Napoli – Genoa                       0-0

Sampierdarenese – Milan        0-0

Torino – Novara                      4-1      

33′ Buscaglia II, 34′ Bellini (NO), 42′ Baldi III, 56′  e 74′ Buscaglia II

 CLASSIFICA:

Torino 8; Bologna e Lazio 7; Bari, Genoa e Lucchese 6; Ambrosiana, Fiorentina, Milan, Roma e Sampierdarenese 5; Juventus e Napoli

4; Triestina 3; Alessandria e Novara 2.

 Con una tripletta Pietro Buscaglia, promettente mezz’ala, trascina il Torino al comando approfittando del pareggio imposto dalla sorprendente

Lucchese al Bologna. Per i toscani sembrano tornati gli inizi  dei favolosi anni venti, quando nelle loro fila militavano giocatori del calibro di Enrico Bonino
e Jonny Moscardini e quando facevano paura agli squadroni del nord. La sorpresa di giornata, però,  arriva da Alessandria dove cade la Juventus dando ai grigi i primi

punti di questa tormentata stagione. Gli uomini allenati da Virginio Rosetta hanno subito la seconda sconfitta di fila ed ora si trovano
nei bassi fondi della classifica.

6a GIORNATA: domenica 18 ottobre 1936

Bologna-Sampierdarenese     4-1      

3′ Fedullo, 5′ Mascheroni (SA), 48′ Montesanto, 80′  e 89′ Busoni

Fiorentina – Torino     1-0      

88′ Tori

Genoa – Lucchese       1-1      

5′ Pantani (GE), 91′ Dossena

Juventus – Ambrosiana           1-1      

44′ Neri (JU), 71′ Frossi

Milan – Napoli                        1-0      

85′ Cossio

Novara – Bari              1-1      

60′ Violi, 80′ Rizzotti (NO)

Roma – Lazio              3-1      

10′ Busani (LA), 22′ Di Benedetti, 62′ Serantoni, 89′ Di Benedetti

Triestina – Alessandria           3-0      

13′ Chizzo, 20′ Costa, 28′ Rocco rig.

 CLASSIFICA:

Bologna 9; Torino 8; Bari, Fiorentina, Genoa, Lazio, Lucchese, Milan e Roma 7; Ambrosiana 6; Juventus, Sampierdarenese e Triestina

5; Napoli 4; Novara 3; Alessandria 2.

 Il Torino cade a Firenze e il Bologna ne approfitta per ritornare in testa. La Roma ferma la corsa della Lazio imponendosi nel derby. Fa sensazione

vedere
una partita come Juventus ed Ambrosiana ridotta al rango di match di centro-classifica. Con un gol a cinque minuti dal termine il giovane milanista Cossio stende il

Napoli e lo caccia al terz’ultimo posto.

A questo punto il campionato si ferma per dare spazio alla nazionale impegnata nella difesa della Coppa Internazionale. Si inizia la nuova edizione affrontando la

Svizzera, sulla carta la compagine più debole tra le partecipanti. Esordiscono il portiere Amoretti e il mediano Bruno Neri. Dopo un anno e mezzo ritorna
anche il mediano del Bologna Montesanto.

 129: Milano (Stadio Comunale San Siro) –domenica, 25 ottobre 1936 – ore 15,00

ITALIA – SVIZZERA 4-2                (C.I. IV ed. 1’a gara)

RETI: 26’ Meazza, 31’ Bickel (S), 37’ e 53’ Piola, 60’ Pasinati, 76’ Diebold (S)

ITALIA: Amoretti (Juventus) 1, Monzeglio (Roma) 27, Allemandi (Roma) 22 (cap.), Montesanto (Bologna) 3, Andreolo (Bologna) 3, B. Neri (Juventus) 1, Pasinati

(Triestina) 4, Meazza (Ambrosiana – Inter) 36, Piola (Lazio) 5, Giovanni Ferrari (Ambrosiana – Inter) 30, Colaussi (Triestina) 6. Coach: V. Pozzo.

SVIZZERA: Bizzozzero, Minelli, Gobet, Baumgartner, Jaccard, Müller, Diebold, Wagner, Bickel, Abegglen II (cap.), Ciseri II. C.T.: Commissione tecnica federale.

ARBITRO: Bauwens (Germania).

SPETTATORI: 40,000

 L’Italia di Pozzo apre nel migliore dei modi questo nuovo torneo e si ripropone per il successo finale. L’obbiettivo è comunque quello di preparare

una compagine degna di difendere il titolo mondiale conquistato nel 1934. Il materiale umano su cui lavorare non manca: Silvio Piola e Gino Colaussi costituiscono una

coppia d’attacco capace di garantire molti gol e dietro Meazza è ancora giovane e quindi in grado di fornire a pieno il suo apporto.

7a GIORNATA: domenica 1 novembre 1936

Alessandria-Fiorentina           1-0      

82′ Parodi

Ambrosiana – Lucchese          2-2      

30′ Antona (AM), 37′ Callegari, 52′ Coppa, 64′ Ferrari (AM)

Bari – Sampierdarenese          0-1      

3′ Bollano

Genoa – Bologna                    0-1      

62′ Busoni

Lazio – Juventus         1-0      

39′ Piola

Napoli – Novara                     4-0      

30′ Biagi, 66′ Colombari, 79′ Ferrara I, 83′ Ferrara II

Torino – Milan            3-1      

8′ Prato, 25′ Capra (MI), 37′  e 57′ Buscaglia II

Triestina – Roma         2-2      

25′ D’Alberto, 30′ Rocco (TS) rig., 83′ Bernardini, 89′ Castello (TS)

 CLASSIFICA:

Bologna 11; Torino 10; Lazio 9; Lucchese e Roma 8; Ambrosiana, Bari, Fiorentina, Genoa, Milan e Sampierdarenese 7; Napoli e

Triestina 6; Juventus 5; Alessandria 4; Novara 3.

 Bologna, Torino e Lazio sembrano essere le candidate al titolo. Dietro a queste tre troviamo la Roma e la sorprendente Lucchese che si sta

prendendo la
soddisfazione di fermare tutte le grandi. Brutta situazione per la Juventus. Con la miseria di cinque punti in sette gare si trova ad un solo punto dalla

retrocessione. I suoi cannonieri, Borel II e Gabetto non trovano più la via della rete e la squadra ne sta risentendo notevolmente.

8a GIORNATA: domenica 8 novembre 1936                     

Bologna – Torino        0-1      

81′ Galli II

Fiorentina – Ambrosiana        1-0      

61′ Viani

Juventus – Genoa        2-2      

22′ Fasanelli, 29′ Varglien II (JU), 69′ Borel II (JU), 89′ Perazzolo

Lucchese – Napoli      3-2      

3′ Coppa, 42′ Marchini, 55′ Biagi (NA), 59′ Michelini, 88′ Venditto (NA)

Milan – Triestina         0-0

Novara – Lazio                       2-4      

8′ Costa, 55′ Rizzotti (NO), 57′ Piola, 64′ Camolese, 68′ Versaldi (NO), 72′ Busani

Roma – Bari                5-2      

12′ Subinaghi, 17′ Grolli (BA), 34′ Subinaghi, 47′ D’Alberto, 66′ Violi (BA), 71′ D’Alberto, 75′ Caldarulo aut.

Sampierdarenese-Alessandria            5-0      

39′ Bodini, 61′ Mascheroni, 66′ e 69′ Cappellini, 71′ Mascheroni

 CLASSIFICA:

Torino 12; Bologna e Lazio 11; Lucchese e Roma 10; Fiorentina e Sampierdarenese 9; Genoa e Milan 8; Ambrosiana, Bari e Triestina 7;

Juventus e Napoli 6; Alessandria 4; Novara 3.

Un colpo di testa di Ernesto Galli su cross di Onesto Silano porta in testa il Torino vittorioso nello scontro diretto di Bologna. Il primato in

solitaria
dei granata è la dimostrazione dell’ottimo funzionamento della squola calcio chiamata Balon boys.  Da qui in avanti questo settore giovanile continuerà a segnalarsi

per la produzione di talenti assoluti nel panorama calcistico italiano.

Dietro si forma una coppia composta da Bologna e Lazio, inseguite dalla Roma e da una sempre più sorprendente Lucchese.

Chi invece attraversa un periodo alquanto opaco è il Milan. Partiti con ambizioni di buona classifica, i lombardi stanno disputando il solito campionato incolore. La

società decide di provare a dare una scossa all’ambiente esonerando Adolfo Baloncieri e richiamando in Italia William Garbut.

Del fenomeno rossonero toscano si è accorto anche Vittorio Pozzo il quale premia il momento della squadra convocando il portiere veronese Aldo Olivieri per la

trasferta in Germania della nazionale. In questa occasione esordiscono anche il genoano Mario Perazzolo e lo juventino Giovanni Varglien. Dopo due
anni ritorna in nazionale anche Pietro Serantoni. Il passaggio alla Roma sembra averlo restituito al grande calcio.

 130: Berlino (Olympia Stadion) –domenica, 15 novembre 1936 – ore 14,30

GERMANIA – ITALIA                              2-2                 (Am.)

RETI: 2’ Colaussi (I), 35’ e 40’ Siffling, 52’ Giovanni Ferrari (I)

GERMANIA:     Jakob, Münzenberg, Munkert, Janes, Goldbrunner, Kitzinger, Elbern, Gellesch, Siffling, Szepan (cap.), Urban. C.T.: Nerz.

ITALIA: A. Olivieri (Lucchese) 1, Monzeglio (Roma) 28, Allemandi (Roma) 23 (cap.), Serantoni (Roma) 6, Andreolo (Bologna) 4, Varglien II (Juventus) 1, Pasinati

(Triestina) 5, Perazzolo (Genoa) 1, Piola (Lazio) 6, Giovanni Ferrari (Ambrosiana – Inter) 31, Colaussi (Triestina) 7. C.T.: V. Pozzo.

ARBITRO: Eklow (Svezia).

SPETTATORI: 83.000

 Grande calcio all’Olimpia Stadion! Ne esce un pareggio spettacolare che consacra Gino Colaussi come spalla ideale di Silvio Piola e che conferma la

classe di Giovanni Ferrari, autentico cervello di centrocampo capace di andare frequentemente in rete.

9a GIORNATA: domenica 22 novembre 1936                   

Alessandria – Lucchese          1-0      

83′ Banchero I

Ambrosiana – Torino  1-0      

58′ Ferrari

Bari – Milan                2-0      

14′ Grolli, 47′ Violi

Genoa – Fiorentina     1-1      

41′ Viani, 66′ Marchionneschi (GE)

Juventus – Roma                    5-1      

5′ Borel II, 18′ e 30′ Gabetto, 38′ Bernardini (RM) rig., 49′ Gabetto, 77′ Scagliotti

Lazio – Sampierdarenese        1-0      

10′ Piola

Napoli – Bologna        0-1      

64′ Reguzzoni

Triestina – Novara       1-4      

3′ Rizzotti, 5′ Costa (TS), 6′ Versaldi, 22′  e 27′ Rizzotti

 CLASSIFICA:

Bologna e Lazio 13; Torino 12; Fiorentina, Lucchese e Roma 10; Ambrosiana, Bari, Genoa e Sampierdarenese 9; Juventus e Milan 8;

Triestina 7; Alessandria e Napoli 6; Novara 5.

Un gol di Giovanni Ferrari stende il Torino e Bologna e Lazio ne approfittano per portarsi al comando. Il passaggio in bianc’azzurro di Silvio Piola

inizia a dare i suoi frutti. Dietro c’è una squadra che lo segue e che si esprime ad alti livelli.

Il vecchio Elvio Banchero, tornato ad Alessandria per spendere gli ultimi

sprazzi di classe, stronca le velleità  di grandezza della Lucchese. Risorge la Juventus contro la Roma, grazie ad una tripletta di Guglielmo
Gabetto, mentre a Trieste va in scena lo show del Novara capace di realizzare ben quattro reti nel giro di mezz’ora.

10a GIORNATA: domenica 29 novembre 1936

 Bologna – Juventus     1-1      

35′ Gabetto, 46′ Busoni(BO)

Fiorentina – Triestina  2-1      

25′  e 50′ Borsetti, 53′ Colaussi (TS)

Lucchese – Bari                      0-0

Milan – Novara                       2-0      

20′ Gabardo, 67′ Boffi

Napoli – Alessandria   2-0      

38′ Venditto, 67′ Sallustro

Roma – Genoa                        0-0

Sampierdarenese-Ambrosiana           2-2      

7′ Ferrari, 23′ Cappellini (SA), 36′ aut. Ballerio, 85′ Turchi (SA)

Torino – Lazio             2-2      

12′ Baldi III (TO), 39′ Busani, 47′ Bo (TO), 60′ D’Odorico

 CLASSIFICA:

Bologna e Lazio 14; Torino 13; Fiorentina 12; Lucchese e Roma 11; Ambrosiana, Bari, Genoa, Milan e Sampierdarenese 10; Juventus 9;

Napoli 8; Triestina 7; Alessandria 6; Novara 5.

 Le tre di testa pareggiano e la Fiorentina, quasi contro ogni aspettativa, ne approfitta per avvicinarsi al vertice. In questa giornata va segnalato il primo gol di Aldo Boffi, potente attaccante che diverrà uno dei protagonisti della scena calcistica di fine anni ’30.
PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE Facebooktwitterlinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.