CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

10 settembre 1961: dramma al gran premio d’italia!

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather
La domenica successiva, quasi in contemporanea con la terza di campionato, Monza ospita il Gran Premio d’Italia di Formula 1, settima prova del mondiale 1961. L’entusiasmo attorno alla corsa è straripante, dati i grandi successi ottenuti dalla Ferrari, con i piloti Phil Hill e Wolfgang von Trips in lizza per il titolo. Alle 15,00 le 32 vetture prendono regolarmente il via, passando una prima volta sotto la bandiera a scacchi. È durante il secondo giro che il fato si abbatte sulla pista brianzola: la Lotus dello scozzese Jim Clarck tampona la Ferrari del tedesco Wolfgang von Trips, la quale, dopo due testacoda compiuti a velocità folle, va a sbattere contro le reti di recinzione, dietro le quali sono assiepate migliaia di spettatori. A causa dell’urto il pilota viene sbalzato fuori dall’abitacolo e, dopo un volo di venti metri, ricade sul tracciato praticamente già privo di vita. Come un cavallo impazzito che ha disarcionato il proprio fantino, la vettura rimbalza a sua volta sulla pista, venendo centrata dall’inglese Ashmoore, il quale riporta solamente alcune ferite. Nel frattempo dietro alle reti sfondate sono rimaste 15 persone prive di vita. Intanto la corsa prosegue, mentre le 18 squadre di serie A si apprestano a scendere in campo.
3a GIORNATA: domenica 10 settembre 1961

Bologna – Fiorentina 0-3

13′ e 35′ Hamrin, 69′ Petris

Inter – Torino 0-0

Juventus – Lecco 2-2

22′ Mora (JU) rig., 52′ Di Giacomo, 53′ Sivori (JU), 87′ Cardarelli

L.R. Vicenza – Catania 3-0

36′ Fusato, 67′ e 82′ Fortunato

Palermo – Milan 0-0

Spal – Atalanta 0-1

79′ Olivieri

Sampdoria – Roma 1-0

26′ Vincenzi rig.

Udinese – Padova 1-0

53′ Canella

Venezia – Mantova 4-3

2′ Rossi, 5′ Raffin, 15′ Sormani (MA), 30′ Mazzero (MA), 38′ Raffin rig.,
65′ Recagno (MA), 88′ Raffin

CLASSIFICA:

Fiorentina, Inter, Milan e Sampdoria 5; Atalanta 4; Bologna, L.R. Vicenza, Lecco, Mantova, Padova e Spal 3; Juventus, Roma, Torino, Udinese e Venezia 2; Catania e Palermo 1.
Inter e Milan non vanno oltre il pareggio a reti bianche rispettivamente contro Torino e Palermo e si fanno raggiungere in vetta da Fiorentina e Sampdoria facendo presagire che questo sarà uno dei campionati più combattuti della storia del calcio. Intanto la Juventus è ancora a secco di vittorie essendosi fatta imporre il pari dal Lecco.

Tutto passa in secondo piano davanti alla tragedia di Monza dove il ferrarista Phil Hill taglia per primo il traguardo, aggiudicandosi il titolo mondiale. È una vittoria senza festa, perché di fronte ad eventi di una simile portata c’è ben poco da gioire. Nei giorni successivi lapolemica circa l’opportunità di non sospendere la corsa divampa su tutti i giornali, i quali mostrano gli effetti del terribile impatto della Ferrari di von Trips sulla folla.
PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE Facebooktwitterlinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.