CENT'ANNI DI STORIA D'ITALIA RACCONTATI DAL CALCIO

LA MORTE SOTTO LA MONTAGNA

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather
La sorpresa per il successo della Juventus in Coppa Italia passa immediatamente in secondo piano a causa delle drammatiche notizie provenienti da uno Stato a noi confinante. Il 30 agosto, mentre non si è ancora spento lo sdegno per la chiusura delle frontiere con la Svizzera e mentre è ancora fresco nella memoria il ricordo della penosa scena del 14 febbraio precedente con persone trattate da profughi, 53 colleghi di quegli emigranti che hanno contribuito al benessere del territorio elvetico offrendosi per i lavori piu’ umili e faticosi, muoiono sotto una valanga di un cantiere idroelettrico di Mattmark. Una tragedia tutta italiana, che mette in luce sui giornali i sacrifici di tanti connazionali costretti a vivere in condizioni non solo disagiate ma anche senza le dovute sicurezze sul lavoro, facendo apparire l’ondata xenofoba elvetica ancora piu’ ingrata. Tutto questo, però, serve a ricordare all’opinione pubblica che in questi “meravigliosi anni ‘60″ c’è ancora gente costretta a lasciare le terre natie per recarsi all’estero in cerca di migliori condizioni di vita.

PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE Facebooktwitterlinkedinrssyoutubeby feather

LASCIA UN Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.