LA 20a GIORNATA DEL CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO 2016-17

CAMPIONATO RIAPERTO! È il sentire comune dopo la sconfitta della Juve capolista a Firenze, con le contemporanee vittorie della Roma sull’ostico terreno dell’Udinese e del Napoli sul Pescara, mentre l’Inter sta arrivando a passo di carica nelle posizioni che contano, da dove Lazio e Milan sono ben lontane dal lasciare il passo.





Quarta sconfitta esterna della Juventus, questa volta in casa della Fiorentina, formazione di buona caratura tecnica, ma incapace di dare continuità ai propri risultati. Gioisce l’intero movimento che, contro ogni pronostico, vede riaprirsi la questione scudetto. La Roma, corsara ad Udine, sebbene priva di elementi fondamentali, ed il Napoli sono a ridosso della capolista. Giova comunque ricordare che gli uomini allenati da Massimiliano Allegri devono ancora recuperare il tutt’altro che difficile nmatch col Crotone, malinconicamente ultimo, al di là dei propri demeriti. 212 purr vero che i Campioni d’Italia in carica paiono spesso svagati, ma non crediamo fino al punto di risultare autenticcamente autolesionisti! Parliamoci chiaro: il destino del campionato di calcio 2016-17 è completamente nelle mani della Juventus, con le altre ancora un passo indietro per mezzi tecnici e forza mentale. Vale soprattutto per Roma e Napoli, la cui rosa non consente le soluzioni a disposizione di Allegri, mentre l’Inter, vittoriosa nelle ultime cinque partite disputate, ha perso troppo terreno nella prima fase del torneo.
Lazio e Milan, autentiche sorprese nel girone d’andata, non mollano la presa: i biancocelesti capitolini hanno battuto un’Atalanta in grandissima salute, mentre il Milan ha fornito una prova di gran carattere uscendo indenne dal campo del buon Torino, dopo essere stato addirittura in svantaggio di due reti.
In coda continua la progressiva discesa di Palermo, Pescara e Crotone, sempre più staccate dal quart’ultimo posto utile per rimanere nel gota del calcio nazionale.

Immagini collegate:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.