7a e 8a giornata 2022-23:
NAPOLI E ATALANTA AL COMANDO!

Riprendiamo il nostro racconto dopo la 7a e 8a giornata 2022-23 del campionato italiano di calcio di serie A, inframmezzate dalla bella parentesi della nazionale azzurra di Roberto Mancini, capace di raggiungere la final four in Nation’s League, accrescendo i rimpianti per l’eliminazione dall’imminente rassegna iridata del Qatar.

Molti sono gli spunti, a partire dal grande momento di Napoli, Atalanta e Udinese, passando per la crisi dell’Inter, senza dimenticare la resurrezione del Monza, capace di conseguire il primo storico successo in serie a battendo niente popò di meno che la corazzata Juventus.



7a e 8a Giornata 2022-23: I FATTI IN BREVE

Udine è teatro del primo evento saliente riguardante la 7a e 8a giornata 2022-23 di serie A. I ragazzi allenati da Simone Inzaghi cadono clamorosamente sotto i colpi dei Friulani i quali, per qualche ora, si trovano al comando dell’intera serie A in attesa del verdetto della supersfida di San Siro tra Milan e Napoli.

Il match è preceduto dal largo successo della Lazio sul difficile terreno della Cremonese, da quello della Fiorentina sul Verona e, soprattutto, dall’incredibile vittoria del Monza sulla Juventus, circostanza che rischia di creare un vero terremoto in casa dei bianco-neri.

Nel tardo pomeriggio l’Atalanta riconquista la vetta della classifica andando a vincere sul terreno della Roma, facendo arrabbiare non poco Josè Mourinho.

In serata il Milan disputa un’ottima partita contro il Napoli, ma a sorridere sono i partenopei trascinati in vetta da una rete del Cholito Simeone, che mostra di non aver risentito del distacco da Verona e di poter esprimersi ad alti livelli anche in una “grande”.

La giornata riserva altresì le vittorie esterne di Lecce, Empoli e Sassuolo rispettivamente sui campi di Salerno, Bologna e Torino, mentre lo Spezia si aggiudica il derby ligure contro la Sampdoria.

LA NAZIONALE ALLE FINAL FOUR DI NATION’S LEAGUE

L’attività frenetica dei clubs si interrompe per lasciar spazio alle nazionali. C’è da concludere il girone eliminatorio di Nation’s League affrontando l’Inghilterra in casa e la sorprendente Ungheria a domicilio. Contro i quotati albionici gli azzurri sfoderano una prestazione d’orgoglio, riuscendo a passare grazie ad una magia di Raspadori, rimanendo così in corsa per accedere alle final four. L’obbiettivo può essere raggiunto a patto di andare a vincere in Ungheria, formazione che sembra rinverdire i fasti del passato.

Sebbene in formazione largamente rimaneggiata, i ragazzi allenati da Roberto Mancini vanno a vincere a Budapest grazie alle reti di Raspadori, l’uomo in più del momento e Di Marco, laterale sinistro col vizietto del goal. A qualche mese dalla clamorosa esclusione dalla fase finale del campionato del mondo, gli azzurri mostrano di essere un gruppo. Certo è che i rimpianti sono davvero tanti per un gruppo che avrebbe certamente potuto recitare una parte da protagonista nella rassegna qatariota.

LA 8a GIORNATA

Il racconto della 7a e 8a giornata 2022-23 prosegue col Napoli straripante contro il Torino nella partita d’apertura del primo weekend calcistico d’ottobre. I partenopei dimostrano uno stato di forma invidiabile, unito ad una gamma di soluzioni che li accreditano senz’altro tra le formazioni favorite per la conquista del titolo finale.

A seguire Inter e Roma si affrontano in un match delicato: chi esce sconfitto si troverà a fare i conti con un’imprevedibile crisi tecnica. Josè Mourinho gioca un brutto scherzo alla sua ex squadra e lascia Milano con tre punti in più in graduatoria, mentre i nerazzurri vedono allontananrsi la vetta della classifica. In serata sorride il Milan, corsaro ad Empoli in una partita dal finale pirotecnico con tre reti realizzate nei minuti di recupero. I ragazzi di Pioli dimostrano di aver superato lo choc della sconfitta casalinga contro il Napoli e mantengono il distacco.<

La domenica si apre con il successo della Lazio sullo Spezia, mentre nel pomeriggio il Monza acuisce la crisi sampdoriana andando a sbancare Genova per 3 a 0 grazie alle reti di Pessina, Caprari e Sensi, tre giocatori in grado di fare la differenza.

Nel frattempo l’Atalanta raggiunge in vetta il Napoli battendo la Fiorentina di misura, mentre la Juventus scaccia momentaneamente la crisi grazie al netto successo contro il Bologna.

Il turno si conclude con la vittoria esterna dell’Udinese a Verona che sprofonda i giallo-blu in piena zona retrocessione mentre i friulani, alla sesta vittoria di fila, si instaurano al secondo posto ad un solo punto dalla coppia di testa.

CONSIDERAZIONI

La stagione in corso sarà una delle più particolari dell’intera storia del calcio italiano, anche e soprattutto per effetto della lunga pausa invernale, ma dalla 7a e 8a giornata 2022-23 si possono trarre interessanti spunti di riflessione.

NAPOLI AL VERTICE CON LE PROVINCIALI

Napoli, Atalanta ed Udinese sono senz’altro le squadre del momento e dire che al termine della campagna trasferimenti sembravano addirittura indebolite. I partenopei stanno fornendo prove di spessore, sia in campionato, sia in champion’s league. La squadra segue i dettami di Luciano Spalletti, il quale, soprattutto in attacco, dispone di molte soluzioni di qualità.

Non è più la terribile macchina da goal degli anni passati, ma l’Atalanta pare quanto mai concreta, capace di portare a casa anche le cosiddette “vittorie a corto muso”, non spettacolari, ma necessarie per ottenere grandi risultati.

Segue a ruota l’Udinese, la vera sorpresa di stagione. I friulani non sono nuovi all’alta classifica, più volte raggiunta negli ultimi 27 anni della loro storia, grazie ad una società sempre abile nel rinnovarsi nel nome della sostenibilità finanziaria, rappresentando un modello che tutti avrebbero dovuto seguire.

LE GRANDI NON CONVINCONO

Solo il Milan sembra mantenere le promesse della vigilia almeno sul piano dei risultati. Per altro i campioni d’Italia in carica accusano alcune pause di rendimento che rischiano di complicare loro la vita. Talento e fame di successo non fanno certo difetto ai rossoneri, ma allo stato attuale c’è bisogno di qualcosa in più per poter confermare il titolo conquistato a maggio.

Le due formazioni romane sono accumunate dalla discontinuita, alternando prestazioni da favola a tonfi clamorosi. Nulla è compromesso, ma davanti corrono.

Chi sta peggio sono certamente Inter e Juventus. Se i bianconeri sono attardati ma perdono poco, nonostante un gioco per nulla spettacolare, preoccupa la condizione dei ragazzi allenati da Simone Inzaghi. Il ritorno di Lukaku unito alla permanenza dei pezzi pregiati della difesa accreditava l’Inter quale grande favorita della vigilia alla conquista del titolo. Invece gli infortuni, comuni a tutte le formazioni per altro, unito allo scarso tato di forma di molti giocatori fondamentali hanno allontanato i vice campioni d’Italia dalla vetta in modo che potrebbe rivelarsi decisivo.

Due Parole su Nazionale e Coppe

La pausa tra la 7a e 8a giornata 2022-23 ha certamente contribuito a ridare smalto internazionale al calcio italiano, reduce dallo smacco subito con l’eliminazione dai mondiali. Il risultato conquistato dai ragazzi di Roberto Mancini ha tanto più valore in quanto conquistato a spese di nazioni ben più quotate come Germania ed Inghilterra, con movimenti all’avanguardia, soprattutto sotto il profilo finanziario. Per altro molti dovrebbero ricordare che in campo scendono gli uomini, non i soldi. A tal proposito si apre una settimana decisiva nella quale Napoli e Milan potrebbero “ipotecare” il passaggio del turno di Champion’s League lasciandosi dietro rispettivamente Liverpool e Chelsea, due rappresentanti della strapagata Premier League. Un bel successo per la tanto bistrattata serie a, no?

Immagini collegate: